Read Los indiferentes by Alberto Moravia Free Online


Ebook Los indiferentes by Alberto Moravia read! Book Title: Los indiferentes
Language: English
Format files: PDF
The size of the: 5.46 MB
ISBN: No data
ISBN 13: No data
City - Country: No data
Loaded: 2824 times
Reader ratings: 5.4
The author of the book: Alberto Moravia
Edition: Plaza & Janés
Date of issue: 1968

Read full description of the books:



“Entrò Carla” …e niente fu come prima

********************
”Entrò Carla; aveva indossato un vestitino di lanetta marrone con la gonna così corta, che bastò quel movimento di chiudere l’uscio per fargliela salire di un buon palmo sopra le pieghe lente che le facevano le calze intorno le gambe; ma ella non se ne accorse e si avanzò con precauzione guardando misteriosamente davanti a sé, dinoccolata e malsicura; una sola lampada era accesa e illuminava le ginocchia di Leo seduto sul divano; un’oscurità grigia avvolgeva il resto del salotto.”
********************
Non ho grande memoria ma mi sento abbastanza sicura per affermare di non aver letto mai un incipit che contiene in modo così palese tutto il messaggio di un’opera.
Il noto attacco in medias res trascina con sé il lettore nel salottino di casa Ardengo e vede attraverso gli occhi del libidinoso Leo il corpo giovane di Carla mentre lei mostra quell’indifferenza così dolorosa che è fulcro del romanzo.
Qui si anticipa anche quel gioco di luci che sarà scenografia e allegoria in tutta la torbida storia. (view spoiler)[Leo illuminato appieno dalla sola lampada accesa è come il protagonista che calca la scena con la sicurezza di un navigato primo attore; è colui che uscirà vittorioso e Moravia, illuminandolo, ce lo svela subito. Il resto è ombra grigia; l’oscurità propria di quella borghesia annoiata dalle proprie abitudinarie pose. (hide spoiler)]
Mancano, però, tre personaggi in questo incipit:
Mariagrazia – madre di Carla-: consumata in un cieco egocentrismo senza coscienza di sé;
Michele – fratello di Carla-: nel continuo tentativo di stuzzicare in sé un minimo di orgoglio che lo faccia ribellare a quell’ipocrisia borghese che non riesce più a tollerare;
Lisa – amica di famiglia-: che lotta per aggrapparsi a qualche rimasuglio della giovinezza che le sfugge tra le dita.

… “quale debole sforzo basterebbe per essere sinceri, e come invece si faccia di tutto per andare nella direzione opposta.” Sospirò; gli pareva di essersi definito: ‘Perché sto qui?’ pensò ‘perché mentisco?[Sic!] sarebbe così facile dire la verità e andarsene’.

Moravia dipinge senza mezzi termini tutta la falsità di un'epoca e di un ceto consumato dall’indifferenza e dalla noia. Una classe sociale che pensa e agisce in base unicamente a sesso e denaro; null’altro importa.
Ogni tipo di ribellione è perdente già in partenza. (view spoiler)[ Di questa lotta vana ne è rappresentante Michele che, per quanto pensi, non riesce a tradurre in vere e proprie azioni sensate i suoi tentativi di liberarsi da questo mondo di menzogne. La sua incapacità di agire culmina poi in quella pistola che punta contro il simbolo di tutto ciò che è Male, ossia Leo. Quella pistola si rivelerà scarica come tutte le illusioni di uscire dal circolo vizioso del suo ceto e così si porrà fine ad ogni lotta inutile.
Leo è arrogante, spregiudicato, avido, libidinoso, senza scrupoli e per questo è vincente. (hide spoiler)].
A questo proposito non sono mancate analisi del testo che hanno voluto leggere una denuncia dell’inerzia di molta borghesia di fronte alla palese e sfrontata ascesa del partito e del pensiero fascista.
Interpretazione, questa, molto plausibile ma quel che è sicuro è che qui si mette in scena un microcosmo dove convive una doppia realtà: una biforcazione tra ciò si dice/esprime a parole e ciò che si pensa/sogna/immagina. I dialoghi subiscono tutti questa separazione per cui ciò che si pensa non è mai ciò in realtà ciò che si dice agli altri.
Un concetto che fa pensare immediatamente -e con fondata ragione- a Pirandello*. Citato direttamente nel testo ed esaltato nel ballo in maschera finale dove i personaggi tornano al loro posto indossando il costume che la società altrettanto fasulla ha loro assegnato.
____________________
PS- Il mio incontro con Moravia risale a tanti anni fa e non fu felice.
Ci guardammo subito in malo modo: una reciproca antipatia. Io tentavo, a dire il vero, qualche approccio ma ne uscivo sconfitta. L’unica cosa che pensavo avesse fatto ammodo era titolare il romanzo “La noia”. Non riuscivo ad andare oltre le venti/trenta pagine, per quel che ricordo: lo trovavo estremamente monotono.
A mio discapito posso dire che ero molto giovane. Ma è una giustificazione fiacca. Se penso che lui scrisse tutto questo a circa 22 anni vorrei mettere la testa sotto la sabbia da tanta vergogna che provo.
Ora, in ogni caso, io e il signor Moravia abbiamo fumato questo calumet della pace.
E’ stato inebriante.
Ci siamo guardati negli occhi con la promessa che non ci incroceremo più con indifferenza.
_____________________

* Un ulteriore prova dell’affiatamento di Moravia con l’idea pirandelliana è attestato dal fatto che il titolo originale de “Gli indifferenti” era “Cinque personaggi e due giorni”


Download Los indiferentes PDF Los indiferentes PDF
Download Los indiferentes ERUB Los indiferentes PDF
Download Los indiferentes DOC Los indiferentes PDF
Download Los indiferentes TXT Los indiferentes PDF



Read information about the author

Ebook Los indiferentes read Online! Alberto Moravia, born Alberto Pincherle, was one of the leading Italian novelists of the twentieth century whose novels explore matters of modern sexuality, social alienation, and existentialism. He was also a journalist, playwright, essayist and film critic.

Moravia was an atheist, his writing was marked by its factual, cold, precise style, often depicting the malaise of the bourgeoisie, underpinned by high social and cultural awareness. Moravia believed that writers must, if they were to represent reality, assume a moral position, a clearly conceived political, social, and philosophical attitude, but also that, ultimately, "A writer survives in spite of his beliefs".

Between 1959 and 1962 Moravia was president of PEN International, the worldwide association of writers.


Reviews of the Los indiferentes


BENJAMIN

The book is very deep! Tip for Reading.

SETH

The book brought changes in life!

AMELIA

Watch out! Maybe a fundamental change in your life!

SETH

This is a very predictable author. When you get a book for free, you can read it. The intrigue is present, the unbundling is clear.

BROOKE

Very controversial Vpechalenija




Add a comment




Download EBOOK Los indiferentes by Alberto Moravia Online free

PDF: los-indiferentes.pdf Los indiferentes PDF
ERUB: los-indiferentes.epub Los indiferentes ERUB
DOC: los-indiferentes.doc Los indiferentes DOC
TXT: los-indiferentes.txt Los indiferentes TXT